AURICOLOTERAPIAODONTOIATRICA.IT


LA RIGENERAZIONE TISSUTALE E PERI-IMPLANTITI. PARLA IL PROFESSOR SIMION (SECONDA PARTE)

Info

Category

Odontoiatra



Descrizione

Quindi bisogna dare credito a chi parla dello “tzunami peri-implantite” che investirà in un prossimo futuro il mondo dei pazienti trattati con impianti. Nel mondo accademico è in corso un’accesa controversia
tra quelli che considerano le peri-implantiti una vera piaga degli impianti moderni e coloro che invece tendono a minimizzare. Come sempre il giusto sta nel mezzo. Alcuni dati in letteratura sono sicuramente male interpretati e hanno considerato come peri-implantiti fi siologici adattamenti dell’osso peri-implantare. Questo ha portato a valutazioni sulla prevalenza delle peri-implantiti addirittura del 56% dei pazienti, fi gura sicuramente non corrispondente alla realtà clinica. D’altra parte è innegabile che con le superfi ci implantari ruvide sia necessaria una cura molto più intensa durante il follow-up per evitare infezioni dei tessuti peri-implantari diffi cilmente curabili. Il paziente trattato con impianti, attualmente deve essere considerato come un paziente affetto da malattia parodontale in fase di mantenimento. Esistono delle tecniche per il trattamento
delle peri-implantiti? Diverse revisioni sistematiche della letteratura e numerosi consensus meeting hanno dimostrato che il trattamento delle peri-implantiti è molto diffi cile e poco predicibile. La terapia non chirurgica mediante levigature a cielo coperto si è rivelata ineffi cace. La terapia chirurgica a lembo presenta percentuali di successo del 50%, quindi molto basse. Il problema maggiore consiste nella diffi coltà di decontaminare la superfi cie ruvida degli impianti colonizzati dai batteri e di prevenirne la reinfezione.